Vai al contenuto

Uso prudente dei farmaci e gestione della polifarmacoterapia nell'anziano English

La definizione di polifarmacoterapia è soggetta a diverse interpretazioni, le più frequenti in letteratura medica sono sostanzialmente riconducibili all’assunzione di 5 o più farmaci con particolare attenzione alla iper-polifarmacoterapia, cioè l’assunzione di 10 o più.

Per affrontare questa tematica la regione Friuli Venezia Giulia ha avviato a partire dal 2014 un programma atto a focalizzare l'attenzione su questo argomento attraverso il coinvolgimento di tutti gli stakeholder (professionisti e cittadini) per trovare le soluzioni più efficaci.

Le azioni implementate sono molteplici: corsi annuali sul tema per i professionisti sanitari negli Enti SSR e coinvolgimento nel progetto di società scientifiche e professionali.

Sono stati coinvolti i cittadini, attraverso alcune associazioni, che hanno collaborato sia alla realizzazione di foglietti informativi specificamente dedicati alla popolazione sia all’organizzazione di incontri sul tema rivolti alla cittadinanza.

Annualmente si misurano attraverso rilevazioni di prevalenza annuali alcuni indicatori specifici selezionati sulla base dei risultati ottenuti e sugli obiettivi da raggiungere, in particolar modo sull'applicazione di criteri di STOPP (Screening Tool of Older Persons’ Prescriptions) e START (Screening Tool to Alert to Right Treatment) che sono strumenti efficaci di valutazione dell'appropriatezza prescrittiva nell’anziano, e sulla possibile "de-prescrizione" di alcune categorie di farmaci attraverso algoritmi validati come quelli sugli gli inibitori di pompa protonici e sulle benzodiazepine.

Pubblicato il 8/1/2018
Ultima modifica 17/7/2019