Vai al contenuto

Controllo del consumo di antibiotici negli animali English

Gli antimicrobici vengono impiegati in medicina veterinaria per eliminare microrganismi causa d’infezioni, come i batteri. Gli antibiotici utilizzati per trattare le malattie infettive possono essere uguali o simili a quelli usati per gli esseri umani. Questi microrganismi possono sviluppare meccanismi (chiamati di resistenza antimicrobica) che riducono la loro efficacia o ne annullano l’effetto sia negli esseri umani che negli animali. Per questo negli animali destinati alla produzione alimentare e negli animali di affezione bisogna utilizzare gli antibiotici solo quando è veramente necessario e con le indicazioni e la  prescrizione del medico veterinario.

La Regione FVG partecipa a tutte le iniziative e assolve agli obblighi di legge nazionali e dell’Unità Europea per contrastare la diffusione di batteri resistenti agli antibiotici negli animali destinati alla produzione alimentare e negli animali di affezione.

I veterinari partecipano al monitoraggio delle resistenze agli antibiotici nei batteri patogeni ma anche in quelli non-patogeni negli animali destinati alla produzione alimentare: i bovini, i suini ed il pollame.

Insieme alle altre Regioni italiane e a tutti i portatori di interesse, la Regione FVG ha realizzato le linee guida per ridurre le prescrizioni di antimicrobici e prevenire il rischio di antibiotico-resistenza negli animali destinati alla produzione alimentare.

Nel 2017 sarà avviato l’utilizzo della ricetta elettronica (sistema di rintracciabilità del farmaco usato in veterinaria) per le prescrizioni di antibiotici per gli animali destinati alla produzione alimentare.  All’inizio interesserà i bovini, suini ed il pollame e in seguito saranno coinvolte anche le altre specie. Con i dati raccolti il veterinario dell’allevamento insieme all’allevatore ed al farmacista potranno gestire meglio la prescrizione di antibiotici ed il Servizio Veterinario delle Aziende Sanitarie e della Regione potranno applicare sistemi innovativi per valutare i consumi di antimicrobici nella nostra Regione e avvaire le necessarie azioni di miglioramento.

Il modo migliore per ridurre la resistenza agli antibiotici è ridurre il consumo di antibiotici in tutti gli animali e nell’uomo.

 

Pubblicato il 4/12/2017
Ultima modifica 6/7/2018